Ambiente incontaminato, lunghe piste da fondo, itinerari facili con le racchette da neve in paesaggi da fiaba ammantati di bianco, straordinari percorsi di sci alpinismo: questa è la Carnia in inverno. E dopo una giornata sulla neve, tutti alle Terme di Arta per rilassarsi fra piscine e Wellness Farm. O ancora un divertente apres-sky in locali tipicamente alpini, shopping fra botteghe artigiane, visita a musei, chiese e palazzi ricchi d’arte.

Innevate e con impianti veloci le piste della Carnia – splendide montagne friulane incuneate fra Austria e Slovenia – sono l’ideale per chi ama sciare lontano dalla ressa, in totale relax. I due principali comprensori per la discesa sono lo Zoncolan a cui si sale da Sutrio e da Ravascletto e il Varmòst a Forni di Sopra. Facili e adatte alle famiglie sono le piste di Sauris, dove ci sono anche divertenti anelli da fondo e si possono fare splendide escursioni di scialpinismo. Inoltre, Forni Avoltri, capitale italiana del Biathlon, ha una fitta rete di piste per il fondo e itinerari che sono un must per gli appassionati di scialpinismo.

Carnia_Pentaphoto_Archivio Turismo FVG

Carnia_Pentaphoto_Archivio Turismo FVG

SETTIMANE BIANCHE E WEEK-END

Molte le proposte per settimane bianche e week-end sulla neve, che vengono confezionate su misura da Carnia Welcome. I prezzi variano a seconda del periodo e prevedono sconti, in particolare per le famiglie.

Per chi si vuole godere un piacevole aprés-sky, il pacchetto Terme&Sci alle tre giornate di sci comprensive di skipass aggiunge anche due ingressi all’area benessere e alle piscine delle Terme di Arta e due cene gourmet (a partire da 1450,00€ per due pernottamenti con trattamento di B&B).

SCI ALPINISMO

In Carnia si trovano piste da fondo di ogni grado di difficoltà tracciate in scenari naturali di grande bellezza. Le più conosciute sono quelle dei Laghetti di Paluzza, paese natale di campioni come Emanuela e Giorgio Di Centa, dove ha sede il Centro nazionale di Sci di fondo: qui la neve è garantita da un impianto di innevamento programmato e si può sciare anche di notte dato che una pista è illuminata. Anelli per tutti i gusti e le capacità si trovano anche nelle altre tre maggiori località invernali della Carnia. Uno dei modi più completi per vivere in montagna invernale è senz’altro lo sci alpinismo. Aprire una traccia nella neve intonsa è una delle sensazioni più appaganti per gli sciatori.

La Carnia offre agli amanti dello sci alpinismo moltissimi itinerari di grande bellezza. Ne segnaliamo tre. Il primo parte da Casera Razzo (m. 1.745) e si raggiunge la forcella del Monte Bivera (m. 2.338) con un dislivello di circa 780 m.; il secondo partendo dal ponte sul Tagliamento di Forni di Sopra si raggiunge la vetta del Monte Pramaggiore (m. 2.479) con un dislivello di 1.590 metri; il terzo itinerario inizia da Forni Avoltri e porta al Monte Coglians (m. 2.780) e ha un dislivello di circa 1.430 m.

Carnia_Forni di Sopra_sci alpinismo

Carnia_Forni di Sopra_sci alpinismo

NON SOLO DISCESE

E per chi cerca attività nella natura diverse dallo sci da discesa le possibilità sono davvero tante: ciaspolate sia di giorno sia di notte al chiaro della luna, passeggiate in carrozza o slitte trainate da cavalli, snow bike, winter trail training (ovvero correre sulla neve, nuova tendenza degli sport invernali 2017). E per i più piccoli? Passeggiate a dorso di un simpatico mulo e pony club.

Il calendario delle uscite si trova su www.turismofvg.it e una mappa con le più belle escursioni invernali realizzata dalla sezione del CAI di Ravascletto in collaborazione con Carnia Welcome è in distribuzione negli uffici d’informazione turistica e negli Alberghi diffusi di Sutrio (www.albergodiffuso.org), Comeglians (www.albergodiffuso.it), Ovaro (www.albergodiffusozoncolan.it), Lauco (www.albergodiffusolauco.it), dove è possibile alloggiare godendo della genuina atmosfera che questo genere di struttura sa dare.

Per ulteriori informazioni: Carnia Welcome

Tel. 0433.466220 – info@carniawelcome.it  – www.carnia.it

 Credits foto in evidenza: Gionco Communication