Nonostante quanto previsto dalle previsioni, oggi a Milano è davvero una bella giornata. Il sole è caldo ed è piacevole fare una passeggiata a pranzo; insomma, la primavera sta proprio dando i primi cenni della sua presenza.

Come fosse un rituale per cercare di avere una bella primavera e un’ottima estate, domenica scorsa ho partecipato, insieme alla metà della mia mela, alle Giornate di Primavera del FAI scegliendo di visitare un bene a bordo lago. Avremmo voluto visitare Villa Balbianello sul Lago di Como dove però sappiamo c’è sempre tanta gente, quindi abbiamo deciso di andare un po’ più lontano, sul lago di Lugano, per fermarci a Villa Fogazzaro Roi. Chiamando il sabato siamo riusciti ad ottenere la prenotazione per la domenica mattina, una giornata davvero splendida, con sole splendente e caldo q.b.

Il nome indubbiamente illustre rimanda subito all’autore di Piccolo Mondo Antico, scritto proprio in questa bellissima dimora donata ai FAI dal nipote di Fogazzaro, il Marchese Roi, nel 2009. Le stanze rappresentano bene le epoche che qui si sono succedute perché, per volontà del Marchese, la casa è allestita con i beni delle famiglie Fogazzaro e Roi: le camere da letto di entrambi, il bagno del Marchese con la collezione dei giochi dell’oca, la sala da pranzo con le ceramiche ottocentesce (alternate a base verde o rosa a seconda dei periodi), i quadri, i mobili e lo scrittoio personale di Fogazzaro, il fortepiano, fino al gioco del backgammon.

Se avete in programma una visita a Villa Fogazzaro Roi vi consiglio di fare caso ai versi e alle note appuntate dietro la porta della camera da letto del Fogazzaro (ogni tanto la destinava a ospiti illustri che, per ricambiare, lasciavano dei pensieri dedicati all’autore) e agli appunti scritti a mano dal Fogazzaro nel cassetto nel proprio scrittoio personale.

Nel 2009 Villa Fogazzaro Roi è stata dunque donata in eredità al FAI dal Marchese Roi. Per visitare la villa è necessario essere soci FAI oppure fare una donazione in qualità di amici del FAI: in ogni caso la scelta sarà utile sia a voi che al FAI per aiutare a sostenere la cultura italiana. Gli iscritti al FAI hanno molte agevolazioni durante tutto l’anno: dall’ingresso nei 30 beni FAI in tutta Italia all’abbonamento al Notiziario trimestrale, sconti fino al 50% in oltre 1000 enti tra musei, mostre e dimore storiche, viaggi inediti in Italia e all’estero e tanto altro.