Ha inaugurato settimana scorsa l’Eclair de Génie, il nuovo dolce rifugio di Corso Garibaldi 55 e di Porta Ticinese 76 a Milano. La storia del marchio risale al 2012 quando lo chef di fama internazionale Christophe Adam lancia il concetto creativo di mono-prodotto che sta alla base dell’Eclair de Génie insieme all’imprenditore Charles Lahmi.fullsizerenderMa qual è la genesi del prodotto? Si tratta di un classico pasticcino francese dalla forma allungata riempito di crema e glassato; l’Eclair de Génie rivoluziona questo tradizionale prodotto nel gusto, nei colori e nell’immagine senza però snaturarlo o destrutturarlo. E’ così che l’Eclair de Génie diventa un luogo fuori dagli schemi, colorato e contemporaneo, che rompe gli schemi della pasticceria tradizionale.

Oltre all’estrosità, la qualità è una caratteristica del brand, attento a ingredienti e materie prime per offrire prodotti freschi al 100%.

La sperimentazione è un’altra chiave vincente de l’Eclair de Génie: sono 180 i concept glassati per un totale di 1.452.000 Eclairs venduti dai 2012, tra i quali quello al caramello burro salato e quello al cioccolato Gran Cru sono i prodotti best sellers (seguiti da vaniglia del Madagascar e Passione cioccolato e lamponi).

Ma l’Eclair de Génie non è solo eclairs! Nel 2014 Christophe Adam lancia infatti una gamma di prodotti di pralineria, creme spalmabili, caramello in tubo, nocciole caramellate, cioccolatini e saponette di cioccolato.Ovviamente la fama non si fa attendere: dal primo negozio aperto nel Marais di Parigi nel 2012, il brand vola infatti anche all’estero fino al Giappone alla Corea e amplia numericamente la capillarità con cui è presente in Francia.

Qualche dato?

  • 60.000: è il numero di Eclairs venduti al mese
  • 4: sono le tonnellate di cioccolato utilizzato nel 2015
  • 44: è il numero di dipendenti nel 2015
  • 5: sono i milioni di Euro di fatturato del 2015

Cosa ci riserverà l’Eclair de Génie per il futuro? Sicuramente delle nuove sfide! Sono infatti in programma aperture negli Stati Uniti, negli Emirati Arabi Uniti, in Canada, in Russia e in alcune capitali europee.