Insignito della Bandiera Arancione del Touring Club Italiano, San Casciano dei Bagni è un borgo situato sulla sommità di un colle alle pendici del Monte Cetona nel cuore della Toscana, in provincia di Siena. Grazie al Tci abbiamo avuto l’occasione di visitarlo in un weekend (si raggiunge in sole 4 ore di auto da Milano, 2 da Firenze e 1 ora e mezza circa da Roma) per scoprire le sue bellezze architettoniche, l’offerta turistica, le attività ricreative, la straordinaria proposta enogastronomia e naturalmente per provare le sue acque termali utilizzate da millenni.

A San Casciano il tempo si è letteralmente fermato e si ha l’impressione che tutto scorra molto più lentamente immersi nelle storiche mura merlate, circondati da castelli, torrioni e deliziose chiesette, canti di uccellini e cicale nonché profumi della natura che qui tra boschi, fiori di lino, ulivi e vigneti è davvero rigogliosa.

Se volte fuggire dallo stress cittadino, San Casciano è decisamente il posto che fa per voi. Anche il nome di alcune vie – Via del Silenzio, Via Pace – fa immediatamente capire al turista che qui si deve rilassare lasciandosi alle spalle, almeno per il tempo del suo soggiorno, le preoccupazioni quotidiane. Se venite in Toscana non potete perdere una visita a San Casciano dei Bagni. Di seguito trovate i nostri consigli per organizzare itinerari di viaggio per tutti i gusti.

Da vedere:

Il centro storico con le sue bellezze architettoniche, il Palazzo Comunale, la Chiesa di San’Antonio, il Teatro Comunale, la Collegiata San Leonardo e le stanze Cassianensi. Merita una menzione particolare la chiesa di Santa Maria Ad Balnea, di straordinaria bellezza, risalente all’XI-XII secolo e sviluppata intorno a un pilone votivo dedicato al culto della Vergine.

SanCasciano

Scorci di San Casciano dei Bagni

SanCasciano2

A sinistra la chiesa di Santa Maria Ad Balnea

Da visitare:

Fighine: nel piccolo borgo abitato stabilmente da una sola famiglia sorge l’imponente e magnifico Castello di Fighine, oggi di proprietà privata, che ospita anche un ristorante stellato.

CastelloFighine

Celle sul Rigo: delizioso paesino medievale da cui si può godere uno splendido panorama delle valli circostanti.

CellesulRigo

Palazzone e le sue cantine: piccolo borgo che si sviluppa intorno alla graziosa piazzetta del Pozzo dove un tempo gli abitanti si rifornivano d’acqua e il pozzo, tuttora presente, rappresentava il fulcro dell’abitato. Il piccolo centro però vanta una fama internazionale centenaria per i suoi vini. Qui hanno sede infatti due delle più importanti e rinomate cantine della zona che vale la pena visitare: la storica Cantina Mori e la più moderna Cantina Ravazzi. Presso la Cantina dell’azienda agricola Giacomo Mori scavata nel tufo, da fine ‘800 si producono e invecchiano ottimi vini rossi della zona, seguendo una tradizione di famiglia. In particolare sono molto apprezzati i raffinati Chianti DOCG e Chianti Riserva Castelrotto DOCG commercializzati soprattutto all’estero da Europa, Stati Uniti, Canada, Asia e Australia.

CantinaMori

Cantine Mori

Nelle cantine più ampie dell’azienda Ravazzi si producono da oltre 50 anni vini Chianti DOCG dal colore rosso rubino invecchiati in botti di rovere. Ravazzi produce anche Merlot, Sagrantino e Vermentino Bianco.

CantinaRavazzi

Cantine Ravazzi

Sempre a Palazzone nel periodo di raccolta delle olive è possibile vedere in funzione un antico frantoio del ‘600 a trazione animale di proprietà dell’azienda dei Fratelli Mori che produce, oltre al vino, anche Olio Extra Vergine di Oliva.

Frantoio

Qui si trovano anche aziende di allevamento di bestiame bovino della famosa razza chianina. Nella zona infatti è presente la maggior concentrazione di vacche fattrici allo stato brado della provincia di Siena che viene gestita in particolare da due aziende agricole: Acerona e Fratelli Mori.

Chianine

Tempo libero

Per i più attivi presso le scuderie dell’azienda agricola Il Poggio, situata tra la Val D’Orcia e la Val di Chiana, si organizzano settimane di equitazione per i ragazzi dai 10 ai 16 anni, corsi di equitazione per tutte le età e tutti i livelli, corsi di monta tradizionale maremmana come veri butteri, passeggiate a cavallo sui sentieri dalle strade bianche e lavoro in maneggio, ma anche corsi di cucina e programmi dedicati alla cura del corpo.

Il Poggio offre ai propri ospiti deliziosi appartamenti indipendenti in formula residence, due piscine, campo da tennis/calcetto. Per ulteriori info www.ilpoggio.net

IlPoggio

Se invece siete appassionati di tartufo allora dovete assolutamente fare visita al Podere Bulgherino, una realtà locale dedita alla coltivazione di agricoltura biologica dove si organizzano ricerche del tartufo in compagnia di Gianni, proprietario dell’azienda cresciuto nella campagna che, coltivata con amore dalle generazioni precedenti, offre tutto l’anno svariati prodotti biologici come orzo, lenticchie, ceci e farro perlato.

Per chi ama il relax

Da non perdere ovviamente le terme. A San Casciano potrete immergervi nei “vasconi”, come li chiamano qui, del Bagno Grande e del Bagno Bossolo, carichi di acque termali dalla temperatura di circa 39 gradi. Questi bagni sono aperti pubblico 24 ore su 24 e 365 giorni all’anno, totalmente gratuiti ideali per grandi e piccini, e si raggiungono facilmente a piedi dal centro del paese. Le acque che scorrono costantemente nelle diverse vasche e fontanelle sono solfate, fluorate e hanno proprietà antinfiammatorie e analgesiche e in passato venivano utilizzate per la cura degli occhi, delle piccole ferite e delle scottature.

Bagno (2)

Per chi preferisce un centro termale più classico e attrezzato, Fonteverde è quello che fa per voi. Una vera e propria Spa immersa in un panorama mozzafiato sulle colline toscane con numerose piscine termali indoor, outdoor e pied dans l’eau, dalla temperatura media di 37/38 gradi, cascate d’acqua, idromassaggi e varie aree relax il tutto all’insegna del massimo benessere. Fonteverde offre anche saune, bagno turco e ovviamente numerosi trattamenti estetici e terapeutici, massaggi e cure inalatorie. Una curiosità: la struttura è dotata anche di una piscina termale per cani.

Fonteverde

Centro termale Fonteverde

Dove dormire

Per sistemazioni classiche a San Casciano è possibile alloggiare in hotel, negli agriturismi o aziende agricole come Il Poggio, oppure nelle numerose case coloniche di cui la zona è veramente ricca.

Gli hotel sono solo 3: Hotel Fonteverde Spa e Resort – dal cui corridoio interno è possibile entrare al centro termale direttamente in accappatoio e usufruire di alcune piscine riservate solo agli ospiti; Hotel La Fontanella e Hotel Sette Querce (dove abbiamo alloggiato durante il nosto weekend) che offre 9 junior suite dotate di ingresso indipendente, terrazzo, vasca idromassaggio e piccola cucina.

Settequerce

Hotel Sette Querce

Per gli amanti dell’indipendenza, e per chi quando è in vacanza vuole sentirsi come a casa propria, consigliamo di alloggiare in una delle antiche ville o in alcune delle bellissime case coloniche tipiche della zona e ricche di fascino. Si tratta di case che risalgono in gran parte all’800 utilizzate ai tempi da mezzadri e vignaioli, totalmente immerse nella natura, completamente ristrutturate – rispettando le tipologie costruttive e architettoniche – dotate di tutti i confort e spesso anche di piscina privata e barbecue. Queste splendide case arredate con un gusto tipico toscano sono disponibili in affitto per tutto l’anno e possono ospitare da 2 a 14 persone a seconda della tipologia. Le azienda agricole che offrono ospitalità di questo genere sono: Acerona, Fratelli Mori, Poderuccio, Pomponi, Villa Corneli e Giacomo Mori e si trovano sul sito di San Casciano dei Bagni o sui siti di prenotazione online Booking e Casa Vacanze.

CaseColoniche

Case coloniche

Dove mangiare

Pranzo o cena: Vivamente consigliato il ristorante Il Poggio dove è possibile degustare ottimi piatti a base dei prodotti dell’azienda agricola biologica, carni provenienti dai propri allevamenti di pollo biologico d’erba e di cinta senese, paste fatte a mano, sughi eccezionali oltre che un eccellente olio extravergine di oliva di produzione propria. Noi abbiamo particolarmente apprezzato l’antipasto di salumi e formaggi, la strepitosa ribollita, i pici all’aglione e la tagliata di carne chianina, il tutto accompagnato da vini rossi prodotti presso propri i vigneti come il Rosso del Poggio e Poggio Corno Orcia Doc. www.ilpoggio.net

Cena

Cena presso Il Poggio

vigne

Vigneti de Il Poggio

Colazione o merenda: Se siete amanti dei dolci fate un salto dalla Pasticceria Il Campanile dove si possono gustare ottimi cornetti e tanti pasticcini e torte di ogni tipo accompagnati da caffè e cappuccini fatti con latte biologico. La sua splendida vetrina ricca e invitante non passa di certo inosservata. http://sancascianobagni.com/shop/shopping/?showcase=bar-pasticceria-il-campanile

Tra gli altri ristoranti da segnalare per l’ottima cucina a base di ottimi piatti tipici toscani: Ristorante Daniela.

http://sancascianobagni.com/enogastronomia/ristoranti/?showcase=ristorante-daniela

Curiosità

Il maiale con la cintura!  In questa zona si alleva la cinta senese, una razza suina toscana dop, dal caratteristico colore grigio e da una striscia di colore beige (la cinta) che da dietro il collo arriva fino alle zampe anteriori. L’origine della cinta senese è molto antica tant’è che una sua immagine si trova già in un affresco del 1338 del Lorenzetti. La cinta senese è molto robusta, di facile adattabilità e viene allevata allo stato semi brado; ecco perché poi le sue carni sono davvero ottime sia come gusto sia come caratteriste organolettiche.

Cintasenese

La cinta senese

Un consorzio di eccellenza: per promuovere San Casciano e valorizzare le risorse presenti sul territorio è stato creato il Consorzio San Casciano dei Bagni Terre e Terme. Del consorzio fanno parte i principali imprenditori del paese tra i quali figurano strutture termali, alberghi, ristoranti, agriturismi, produttori di vino e olio, artigiani e operatori del terziario, tutti uniti per condividere standard di qualità a garanzia di eccellenza per gli ospiti che visitano il borgo.

Ringraziamenti

Infine i ringraziamenti sono d’obbligo. Ringraziamo il Touring Club per averci invitato a vivere dal vivo San Casciano dei Bagni; il Sindaco Paolo Morelli, esperto storico della zona che ci ha raccontato la storia del Bagno Grande e accompagnati per vie e chiese di San Casciano; il vicesindaco Agnese Carletti che ci ha fatto conoscere le attività sportive e legate al benessere; Serena Mori, responsabile del Consorzio San Casciano dei Bagni Terre e Terme, la nostra eccezionale guida che ci ha portato a visitare i posti più belli della zona, a scoprire le case coloniche più nascoste tra i boschi e le cantine; e ovviamente tutte le strutture che ci hanno ospitato: Hotel Sette Querce, ll Poggio e Fonteverde Spa.

Per ulteriori informazioni visitate:

Se volete conoscere San Casciano dei Bagni ma non avete ancora in programma un weekend fuori porta o una vacanza, il 14 e il 15 maggio potete partecipare all’evento Exploring Bandiere Arancioni che il Touring Club Italiano organizza al Castello Sforzesco di Milano dove un centinaio di borghi Bandiere arancioni presenteranno le loro tradizioni gastronomiche, culturali e turistiche.